Zitti e buoni, i Maneskin vincono all’Eurovision

E i Maneskin «Zitti e buoni» vincono ancora.  Dopo, anzi proprio grazie a Sanremo, hanno rappresentato l’Italia al contest musicale europeo, Eurovision e… hanno vinto! Con un look super… firnato da Etro (lo vedete nella foto) in pelle laminata bordeaux con dettagli criss cross platino e borchie applicate.

«Mai smesso di crederci»

Hanno riportato in Italia un premio che mancava da 30 anni e che prima di loro soltanto due artisti erano riusciti a conquistare: Gigliola Cinquetti e Toto Cotugno. «Era destino che condividessimo questo riconoscimento», hanno detto ai microfoni di Rtl 102.5. «Quello che ci differenzia dagli altri e che ci ha permesso di arrivare sino a questo risultato è che non abbiamo mai smesso di crederci, siamo sempre stati onesti, non abbiamo mai cambiato nulla per quella che poteva sembrare convenienza, ma siamo rimasti sinceri e uniti. Ci siamo dati tanta forza a vicenda credendo sempre nella musica. Un’altra caratteristica che ci unisce molto è che siamo semplici amici che fanno musica insieme».

Nuove amicizie

La band ha avuto in XFactor un «trampolino di lancio. È stata un’esperienza che ci ha formati e cambiato la vita – hanno detto – E ci ha permesso di prepararci al mondo della musica. Questa dell’Eurovision è stata un’esperienza che ci ha permesso di fare nuove amicizie: gli artisti di Cipro, Russia, Ucraina, quelli della Finlandia che sono un gruppo rock come noi. Insomma, ci siamo fatti nuovi amici in un clima di festa che celebrava la musica. È stato davvero molto bello».

«E ora? Suonare sulla Luna»

«Il prossimo passo? Suonare sulla Luna. Ovviamente l’obiettivo è suonare in giro per tutta Europa e per tutto il mondo. Stiamo programmando un tour grandissimo dove canteremo tutte le nostre canzoni, sia in italiano che in inglese». E poi: «Non siamo ancora riusciti a prendere i telefoni in mano, però ci ha fatto enorme piacere risentire subito dopo la vittoria Amadeus e Fiorello che sono le persone che hanno creduto in noi a Sanremo e che ci hanno poi permesso di arrivare dove siamo oggi e di vincere l’Eurovision Song Contest».

Chi sono i Maneskin

Damiano  David cantante, Victoria De Angelis al basso, Thomas Raggi alla chitarra ed Ethan Torchio alla batteria hanno iniziato a esibirsi live da giovanissimi nelle strade di Roma. I  Maneskin, il cui nome significa “chiaro di luna” in danese si conoscono fin dai tempi delle medie, ma è solo nel 2015 che i ragazzi iniziano a suonare insieme.

Ma avevano le idee chiare fin da piccoli. Ecco cosa scriveva Damiano quando era un bambino. La pagina del suo vecchio diario l’ha postata lui stesso sui social:

“Io sono Damiano e mi piace giocare con il mio gatto, mi piace quando faccio la lotta con mio fratello e quando gioco alla plai station ”, si legge nella foto condivisa dal cantante. Il componimento si conclude con questa frase: “Da grande voglio fare la rocstar”, scritto proprio così.


Leggi anche 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su