Addio piatti e bicchieri: dal 3 luglio vietata la plastica usa e getta

gli studenti della scuola di giornalismo TobagiIn collaborazione con la Scuola di giornalismo Walter Tobagi, nata nel 2006 come Master interfacoltà dell’Università degli Studi di Milano. Se vuoi scoprire chi sono gli autori dell’articolo clicca qui.


di Alessio Di Sauro

Forse torneranno di moda gli aquiloni, visto che i più piccoli dovranno dire addio ai palloncini. I picnic? Solo con stoviglie al seguito. Era nell’aria da tempo, adesso è ufficiale: addio alla plastica usa e getta. L’Unione europea ha deciso: gli Stati membri dovranno recepire la «direttiva salvamare» la cosiddetta Sup, Single use plastic. L’obiettivo è quello di mettere un freno all’inquinamento che sta soffocando, tra gli altri, il nostro Mediterraneo. Vale a dire che i Paesi del’Unione (l’Italia ha recepito la direttiva già ad aprile con un’ampia maggioranza in Senato) saranno obbligati a vietare la produzione e la vendita di prodotti monouso di plastica, compresa quella biodegradabile. Il rischio, per i disobbedienti, è di subire una procedura di infrazione: unica eccezione ammessa da Bruxelles, i manufatti lavabili e riutilizzabili. La data segnata in rosso è il 3 luglio, termine ultimo per adeguarsi: da quel momento, le nostre feste non saranno più le stesse. E, con esse, molte delle nostre abitudini.

Vietata la plastica usa e getta

Piatti, bicchieri, posate di plastica, bottiglie con capacità fino a tre litri, tappi, coperchi, cannucce, palloncini. Secondo uno studio della Commissione europea sull’inquinamento dei mari questi prodotti sono i principali responsabili dell’inquinamento delle nostre acque: nei loro confronti, dunque, si è scatenata l’offensiva di Bruxelles.

vietata la plastica usa e getta

Dalla cucina al bagno…

Ma non solo: la direttiva entra anche nei nostri bagni. Al bando oggetti di uso comune come cotton-fioc, assorbenti, tamponi e salviette igienizzanti. Costretto a reinventarsi anche il settore del packaging alimentare, i contenitori del cibo non potranno più essere di plastica oxo-degradabile ma solo di carta o al massimo di plastica biodegradabile al 100%. Divieti anche nel mondo della pesca, che dovrà fare a meno delle tradizionali lenze e reti, tra le prime a essere abbandonate negli oceani. Infine, tempi duri per i fumatori: anche i filtri di sigaretta saranno colpiti dalla direttiva comunitaria.

La plastica? Un’invenzione italiana

L’alternativa proposta dall’Europa non prevede il ricorso ai prodotti biodegradabili né al riciclo: bensì il lavaggio e il riuso. Molti studiosi denunciano un impatto ambientale ritenuto addirittura peggiore, a causa del maggiore utilizzo di acqua, energia e detergenti, oltre che per i problemi di igiene e sicurezza sanitaria imposti dalla pandemia. Proprio dall’Italia si levano alcune delle voci più critiche contro il provvedimento. Inventato nel 1954 dal Nobel Giulio Natta, il polipropilene ha fatto particolare breccia nel cuore degli italiani, che contano i principali produttori in Europa dei piatti di plastica sottile (quelli bianchi).

Plastica usa e getta vietata? C’è chi dice no

«La direttiva uccide la manifattura del nostro Paese – ha dichiarato il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, che ha auspicato l’intervento del commissario europeo per l’Economia Paolo Gentiloni – la sua applicazione sottoporrebbe l’industria italiana ed europea a un’interpretazione giuridicamente infondata, del tutto inaccettabile per gli interessi nazionali». Gli ha fatto eco il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani, secondo cui «il provvedimento è assurdo». Ma i no alla direttiva non arrivano solo dal governo italiano: «Le linee guida della Commissione europea sulla plastica usa e getta — ha commentato Justine Maillot, coordinatrice politica dell’Ong Rethink Plastic Alliance — sostituiscono un monouso con un altro e lasceranno i cittadini quantomeno confusi, quando incontreranno oggetti che si comportano come le plastiche monouso etichettati come plastic-free».


Leggi anche

2 commenti su “Addio piatti e bicchieri: dal 3 luglio vietata la plastica usa e getta”

  1. Il problema è che abbiamo esagerato con la plastica… mi piacerebbe sapere qualcosa di più sul suo inventore Giulio Natta, chissà se lui immaginava che saremmo arrivati a questo punto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su