Il “cappotto” per il raccolto progettato dagli studenti del Majorana

Gli studenti dell’ITT Majorana di Milazzo si sono aggiudicati il titolo di Migliore Impresa JA 2020, alla finale nazionale fra startup create dagli studenti nell’ambito di Impresa in azione, di Junior Achievement Italia. Il programma punta a sviluppare  le competenze imprenditoriali negli studenti delle scuole superiori. I ragazzi ora rappresenteranno l’Italia alla finalissima internazionale JA Europe Company of the Year Competition che si svolgerà dal 22 al 24 luglio.

Il progetto vincitore

Il team della classe 3 A indirizzo Elettronica e Elettrotecnica dell’Istituto Majorana  (Green Savers Ja) ha creato APS 2.0, una struttura intelligente capace di proteggere le coltivazioni, adattandosi alle diverse condizioni climatiche. Come lo fa? Attraverso una scheda a microcontrollore, dei sensori e due teli protettivi motorizzati.

Da dove sono partiti gli studenti del Majorana

I ragazzi si sono posti l’obiettivo di trovare una soluzione smart e sostenibile per tutelare i profitti delle aziende agricole riducendo le perdite causate dalle condizioni meteorologiche sfavorevoli. Grandinate e nevicate possono azzerare completamente il lavoro di mesi e mettere in crisi economica un’azienda agricola. Il prodotto vincitore realizzato dai ragazzi, APS 2.0, è una struttura intelligente che, mediante una scheda a microcontrollore, dei sensori e due teli protettivi motorizzati, sceglie autonomamente il tipo di protezione da offrire alle coltivazioni, proteggendole a seconda del caso da eccessivo irraggiamento solare, pioggia, grandine, gelo e vento.

Come funziona

APS 2.0 interviene solo in caso di necessità, garantendo alle coltivazioni di potersi sviluppare all’aria aperta in caso di condizioni meteorologiche “normali”. È anche prevista la possibilità di alimentazione elettrica della struttura mediante pannelli fotovoltaici, il controllo da remoto mediante connessione a internet e l’interazione autonoma tra APS 2.0 e siti specializzati nel fornire dati relativi alle previsioni meteorologiche.

Il programma nonostante la Didattica a distanza

Quasi 11.000 studenti da tutta Italia hanno partecipato al programma di imprenditorialità di Junior Achievement Italia: “Quest’anno, in questa particolare situazione, sono particolarmente colpito ed orgoglioso dell’impegno e della creatività che hanno dimostrato. Abbiamo dimostrato che la tecnologia è uno strumento formidabile e che grazie ad essa, anche la didattica a distanza può essere in grado di stimolarli e coinvolgerli, facendo loro raggiungere ottimi risultati” ha detto Antonio Perdichizzi, Presidente di Junior Achievement Italia.

Una scuola che guarda avanti

Per questo motivo, Junior Achievement ha realizzato un Manifesto delle Competenze Trasversali (disponibile a questo link).  Si è fatta portavoce di docenti, dirigenti scolastici, genitori, studenti, aziende, Enti del terzo settore e Istituzioni, perché i programmi volti a trasferire tali competenze non vengano abbandonati a favore di un ritorno al programma scolastico in senso stretto, ma anzi implementati con maggiore convinzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su