Spiagge libere in Liguria, steward con reddito di cittadinanza e una app per la prenotazione

La possibilità di utilizzare chi ha il reddito di cittadinanza per fare lo steward sulle spiagge libere, il divieto di frequentazione ai venditori ambulanti, la possibilità che a gestire gli arenili liberi siano i balneari, ma con ingresso gratuito e ritorno economico con il possibile affitto di sdraio e ombrelloni. Una app e un sito per prenotare il posto in spiaggia.

Sono le linee guida stilate dall’Ufficio di presidenza di Anci Liguria (l’associazione dei sindaci) per i Comuni. Si tratta di una proposta che i Comuni possono anche non condividere.
Oltre a queste misure ci sono anche quelle che riguardano il distanziamento sociale. Ogni spiaggia sarà suddivisa in stalli da 10 metri quadri  (distanza minima tra gli ombrelloni 3 metri) per 2/3 e in stalli da 4 metri quadri  (distanza minima tra gli asciugamani 1 metro e mezzo) per la restante parte, in modo da poter ospitare sia nuclei familiari (massimo 4 persone) che single. Gli stalli saranno delimitati con paletti, bandierine o sacchi numerati, dei punti di riferimento corrispondenti agli stalli.
Per ogni accesso alle spiagge, preferibilmente unico, saranno presenti operatori (volontari, balneari già presenti e disponibili a tale attività, steward), i quali, all’atto dell’entrata dei cittadini, tramite l’utilizzo di app regolamenteranno l’accesso, ed in mancanza distribuiranno i cartellini con il numero corrispondente ai posti liberi. Nel caso di più punti di accesso gli operatori saranno collegati via radio per le comunicazioni. Il Comune può far svolgere il servizio di steward a chi ha il reddito di cittadinanza. La sanificazione degli ambienti comuni sarà costante e a fine giornata.

Cos’è il reddito di cittadinanza?

Se una famiglia o una persona è momentaneamente in difficoltà, il Reddito di cittadinanza  aiuta a formarsi e a trovare lavoro permettendo così di integrare il reddito della tua famiglia.
Ha inoltre l’obiettivo di migliorare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, aumentare l’occupazione e contrastare la povertà e le disuguaglianze.

In pratica è un sostegno economico per le famiglie e le persone che hanno un reddito più basso della soglia di povertà. Per accedere a questa somma bisogna avere alcuni specifici requisiti. Ma bisogna anche seguire corsi di formazione e accettare offerte di lavoro proposte dai centri per l’impiego nel comune di residenza.

Per saperne di più clicca qui il sito del governo del reddito di cittadinanza

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su