Sfere di cemento per fermare chi viaggia sui tetti dei treni

treno_1Jakarta – In Indonesia è stato trovato un sistema radicale per impedire che i più poveri viaggino sul tetto dei treni senza pagare il biglietto. Sopra ai binari, vicino alle stazioni più frequentate, vengono sospese delle palle di cemento, destinate a far cadere a terra gli abusivi.treno_2

Insomma: i responsabili delle ferrovie si mettono a giocare a biliardo con le teste dei pendolari di Jakarta: «Non avremmo mai creduto di dover arrivare a questo punto – dice il portavoce delle Ferrovie – perché c‘è già una legge che proibisce di viaggiare sul tetto del treno, cosa che è molto pericolosa sia per chi lo fa, sia per gli altri che si trovano sul convoglio».

Quel che è certo è che, d’ora in poi, viaggiare aggrappati al tetto dei vagoni sarà ancora più pericoloso.

Le autorità indonesiane le hanno già tentate tutte: la minaccia con i cani, le prediche in moschea e anche le pistole caricate a vernice rossa indelebile per dissuadere i temerari della strada ferrata, sempre senza successo. Infatti, nella popolosa provincia di Jawa Barat (sull’isola di Giava) i treni passeggeri sono notoriamente sovraffollati. Nelle ore di punta i vagoni sono stracolmi di pendolari, molti dei quali viaggiano sui tetti, per l’assenza di spazio all’interno ma anche per non pagare il biglietto.
Ma i sostenitori del «surf sui treni» hanno già annunciato di voler continuare con la loro pratica: «Il governo dovrebbe pensare piuttosto a migliorare il servizio e la puntualità. Così i passeggeri sarebbero incitati a non infrangere i regolamenti», dice un passeggero. Il 27enne negoziante Mulyanto, che viaggia quasi regolarmente dalla sua città Bogor a Giacarta, ribatte: «Le autorità hanno tentato di tutto per impedirci di viaggiare sui tetti, alla fine però l’abbiamo sempre vinta noi. Ci piace stare lassù, c’è vento, è davvero piacevole».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su