Scosse e onde. Sai cos’ è il terremoto?

Che cos’è un terremoto?

La superficie terrestre non è composta da un solo blocco, ma da una dozzina di grandi “zolle” di terra incastrate l’una nell’altra. Queste zolle dette anche placche sono spesse circa cento chilometri e si muovono, come se fossero delle zattere che galleggiano su uno strato di terreno più morbido. Il terremoto avviene quando due o tre di queste placche a forza di avanzare si urtano. Così le rocce si spaccano.

Le onde sismiche

Il colpo tra le rocce libera delle vibrazioni che vengono risentite sulla superficie più esterna della Terra: si tratta delle scosse o onde sismiche che possono essere più o meno violente.

Costerremoto1‘è l’ipocentro?

E’  il punto esatto dove avviene la rottura delle rocce nella parte profonda della Terra: da lì partono le onde sismiche.

E l’epicentro?

E’ il punto sulla superficie terrestre dove viene risentito in modo più forte il terremoto. E’ perpendicolare all’ipocentro.

Come si misura un sisma?

La forza del sisma detta magnitudo è misurata sulla scala Richter e sulla scala Mercalli. La prima misura la forza del terremoto: va da 1 a 9. I terremoti che possono provocare danni a persone o abitazioni ha una magnitudo oltre 5,9. Sotto il valore 3,5 il sisma non viene percepito.

La scala Mercalli invece misura l’intensità basandosi sugli effetti prodotti a cose e persone partendo da un valore 1 (impercettibile)  per arrivare a 12 (catastrofico). Le due scale sono importanti perché un sisma che ha la stessa forza non avrà lo stesso effetto se avviene a cento chilometri di profondità oppure a soli 5 chilometri.

Che cos’è un sismografo

E’ lo strumento che registra e misura i fenomeni sismici. Ogni giorno sulla Terra si verificano migliaia di terremoti solo alcuni vengono sentiti e la maggior parte comunque non causano danni

Per saperne di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su