"Senza il compagno down non veniamo neanche noi in gita"

Home » "Senza il compagno down non veniamo neanche noi in gita"

CATANZARO – “Se non può venire lui alla gita, non verremo neanche noi”. Non c’è età per ribellarsi a un’ingiustizia, come insegnano gli alunni di una scuola media di Catanzaro che hanno protestato contro la dirigente scolastica che non voleva autorizzare la partecipazione alle uscite di un compagno di classe affetto da sindrome di Down. Tommaso (il nome è di fantasia per tutelare la sua privacy) era stato escluso da una giornata dedicata alla visita in un istituto di scuola superiore perché secondo la preside “non c’era nessuno per accompagnarlo”. Peggio ancora, la dirigente aveva chiesto ai ragazzi di mentire al proprio compagno di classe e di non dirgli nulla riguardo alla gita per non creare diffioltà e imbarazzo. Sapete invece cosa hanno fatto i compagni di classe di Tommaso?  Si sono contraddistinti con un grande gesto di solidarietà rifiutando di andare in gita se non avesse partecipato anche il loro compagno down. Insomma: o tutti o nessuno. Dopo tanti episodi di bullismo e violenza che riempiono la cronaca, per una volta questi ragazzi hanno dato dimostrazione di grande sensibilità e animo, dando una grande lezione a chi dovrebbe darla a loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su