Montecastelo
I ragazzi all’opera! (foto dalla pagina Facebook della scuola)

Montecastelo

Al Collegio Montecastelo, in Spagna, i ragazzi cucinano, stirano, imparano a cucire. C’è «l’ora di lavatrice e lavastoviglie» e la lezione per imparare a usare un trapano.  Protagonisti i maschi! Si proprio loro, gli uomini di domani. Cominciano a scuola a capire come gira la vita in casa. Quella che ora è delegata soprattutto alla mamma e domani sarà delegata soprattutto alla moglie. In Spagna pensano che le cose devono cambiare.. Anche i maschi devono sapere fare tutto così che domani non vadano in panico se devono stirarsi una maglietta o – udite udite – una camicia. E possano condividere i lavori di casa. Così li insegnano al liceo.

Li vedete all’opera i ragazzi,  i maschi di seconda liceo del Collegio Montecastelo,  a Vigo al Collegio Montecastelo. Sono tutti quindicenni. Qui si studia chimica avanzata, teatro, scacchi, robotica…  L’ultima novità sono le lezioni di economia domestica per i maschi. Detto così sembra una roba da nonni (a proposito: ve lo hanno raccontato le nonne che loro sì – ovviamente solo le ragazze -avevano tra le materie «economia domestica»?). Lì le chiamano le «home skills», le «competenze di casa». Una figata… Infatti i maschi si divertono!

Obbligatorie per tutti, nessuno escluso. A fine trimestre i ragazzi si alternano. Chi ha cucinato, stira. Chi si è dedicato alla lavatrice va di lavapiatti.

L’idea dell’Istituto Montecastelo

L’iniziativa è partita quattro anni fa da un’idea della consigliera all’educazione della Galizia Carmen Pomar Tojo. E in questa scuola l’hanno messa in pratica.
«Noi lo chiamiamo programma di arricchimento –  spiega in un’intervista a Vanity Fair il direttore dell’Istituto Montecastelo, José Manuel Rodríguez – Abbiamo capito che l’uguaglianza si impara solo attraverso i fatti». E proprio attraverso la pratica i giovani apprendono i sacrifici che implica la gestione di una casa.

«In questi anni abbiamo collezionato tantissimi successi, i nostri alunni sono contentissimi di apprendere i lavori domestici – prosegue il direttore – .Molti sono già in grado, altri hanno più difficoltà e migliorano grazie al nostro aiuto. Ma tutti hanno ammesso di aver finalmente compreso le fatiche dei genitori e di volersi rendere più autonomi».

E voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *