Il guardiano di Budelli lascia l’isola dove ha vissuto da solo per 32 anni

il guardiano di BudelliDa 32 anni vera l’unico abitante sull’isola di Budelli,  in Sardegna nell’arcipelago della Maddalena. Come un moderno Robinson Crusoe, Mauro Morandi che oggi ha 82 anni, ha fatto il guardiano di Budelli, un angolo di paradiso che ora dovrà abbandonare.

L’unico abitante di Budelli

Mauro Morandi era originario di Modena e da giovane insegnava  Educazione fisica. Come ha raccontato lui stesso qualche mese fa in un’intervista a Lifegate, era arrivato nel 1989 nell’isola conosciuta per la bellezza della sua «spiaggia rosa» e sottoposta a vincolo ambientale.  Ci era capitato un po’… per caso. « In realtà – ha raccontato – io volevo andare in Polinesia: con degli amici avevamo acquistato un catamarano e abbiamo raggiunto La Maddalena perché tutti dicevano che c’era molto traffico di turisti e noi intendevamo lavorare con loro e sfruttare il buon momento». Ma una volta arrivati sull’isolotto «abbiamo deciso di incontrare il custode. Ci ha detto che sarebbe andato via da lì a due giorni per via della moglie che non sopportava più la situazione: d’estate migliaia di persone e il caos che generavano, mentre d’inverno la solitudine assoluta. A me non è parso vero: gli ho chiesto di prendere il suo posto e così è stato, fino ad adesso».

Il guardiano di Budelli

il guardiano di BudelliDa allora è rimasto l’unico abitante. Viveva da solo,  in un vecchio rifugio costruito durante la Seconda guerra mondiale vigilando che quel paradiso venisse protetto e rispettato. Controllava che  non scoppiassero incendi e che non si intrufolassero intrusi. Nell’intervista ha raccontato che la sua è una «giornata normalissima» la mia. «Bisogna solo seguire la natura. Quindi molto dipende dal tempo. Faccio ogni giorno, se il meteo lo consente, esercizio fisico e poi giro continuamente e scatto foto per raccontare l’isola e ciò che vedo. Per le cose pratiche, tipo la spesa, grazie ad amici mi arriva il necessario una volta ogni 15 giorni. Non vedo nessuno, non ho rapporti che non siano telefonici». La sua storia è così affascinante che ha girato il mondo ed è stata raccontata anche dalla Cnn (qui la potete ascoltare)

La storia dell’isolotto

Budelli è un isolotto piccolissimo: appena 1,6 chilometri quadrati ed è considerata una delle isole più belle e selvagge del Mediterraneo. Le sue spiagge sono formate al 90 per cento di carbonato di calcio, quasi uguale alle spiagge delle isole coralline. All’inizio del Duemila, come riporta Il Post, la società che possedeva Budelli andò in fallimento ed ebbe inizio una lunga trafila legale per la proprietà dell’isola: nel 2013 venne messa all’asta e fu venduta per circa 3 milioni di euro all’imprenditore neozelandese Michael Harte.  Ma durò poco. Nel 2016 il tribunale  assegnò la sua proprietà al Parco nazionale dell’arcipelago della Maddalena, dopo che Harte aveva rinunciato all’acquisto perché la realizzazione dei suoi progetti gli sembrava infattibile.

La battaglia per restare a Budelli

Ora la casa di Morandi deve essere sistemata e ristrutturata. All’inizio non se ne voleva proprio andare Mauro Morandi. Ha anche fatto una petizione per poter tornare a lavori finiti. Ma ora sui suoi social ha scritto: «È una ventina di anni che lotto contro chi mi vuole mandare via, anche se sostenuto, psicologicamente e non solo, da Budelli e da tutti voi che mi sostenete. Ora però mi sono veramente rotto e me ne andrò sperando che in futuro Budelli sia salvaguardata come io ho fatto da ben 32 anni. Ciao ragazze e ragazzi. Vedrete ancora le mie foto da un altro posto, tanto la Sardegna è tutta bella».

il guardiano di Budelli
L’isola di Budelli, una foto di Mauro Morandi sui suoi social

Leggi anche

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su