I vulcani più pericolosi del mondo (1ª puntata)

In tutto il mondo ci sono circa 1.500 vulcani potenzialmente attivi ma quali sono quelli più pericolosi? Fin dall’antichità gli uomini sono stati affascinati, incuriositi ed al tempo stesso intimoriti dai vulcani. Alcuni popoli credevano che le eruzioni vulcaniche non fossero altro che manifestazioni divine ed in passato diverse civiltà sono state spazzate via dalla potenza devastante dei vulcani. Ecco la prima puntata dei vulcani più pericolosi al mondo, dove troviamo anche il nostro Vesuvio famoso per l’eruzione che distrusse Pompei.

vulcani pericolosi 1) Yellowstone Caldera, Stati Uniti

Le bolle di gas solforico e geyser che vengono fuori dall’energia nascosta del vulcano, attraggono turisti nel bellissimo Parco Nazionale di Yellowstone. Sotto questa bellezza, c’è un super vulcano che potrebbe, potenzialmente, distruggere la parte occidentale degli Stati Uniti uccidendo circa 87.000 mila persone secondo le previsioni degli esperti. Le misure della zona considerata vulcanica sono grandissime: 55 per 72 chilometri di estensione. La caldera è anche meglio conosciuta come il super vulcano di Yellowstone. Diversamente da altri, i super vulcani non hanno la forma di una montagna, ma sembrano appunto «calderas» crateri vulcanici. L’eruzione di un super vulcano finora non è mai stata osservata dall’uomo. L’ultimo caso di questo tipo è avvenuto 640.000 anni fa proprio a Yellowstone.

vulcani pericolosi2) Vesuvio, Italia

Il Vesuvio, situato in posizione dominante rispetto al golfo di Napoli, ha dei precedenti storici tali da renderlo uno dei vulcani più pericolosi. L’ultima volta ha eruttato nel 1944: fontane di lava si innalzarono dal cratere fino ad un’altezza di 800 metri, mentre 26 persone a venivano letteralmente bruciate dalla pioggia di ceneri. Attualmente è in fase di quiescenza ma abitualmente, ci insegna la storia, ha cicli di eruzione ogni 20 anni. Inoltre, trovandosi vicino alla città, 3 milioni di persone vivono nelle sue vicinanze. Si tratta della zona vulcanica più densamente popolata del mondo. L’unico vulcano ad aver eruttato in Europa negli ultimi 100 anni, resta famoso per la storica eruzione del 79 A.C. che ha distrutto le cittadine di Pompei ed Ercolano.

vulcani pericolosi3) Popocatépetl, Messico

Popocatépetl è un largo picco montagnoso ghiacciato che si trova 70 chilometri a sudest di Città del Messico e solo 45 chilometri a ovest della città di Puebla. Circa 9 milioni di persone vivono nel raggio d’azione del vulcano che ha eruttato circa 20 volte dal 1519. L’ultima delle eruzioni è avvenuta nel 2000, ma l’evacuazione di 4.000 persone ha evitato la catastrofe. Il suo nome in lingua indigena significa montagna (tepetl) che emette fumo di continuo (popoca) ed è dovuto alla sua costante attività, fin dai tempi dell’epoca precolombiana.

vulcani pericolosi4) Sakurajima, Giappone

Questo vulcano una volta formava un’isola, ma i flussi lavici dell‘eruzione del 1914 ha prodotto la sua unione con la terraferma. Molti esperti lo definiscono il Vesuvio dell’est a causa dei suoi alti livelli di attività vulcanica. Nel 2013 è ripresa l’attività eruttiva caratterizzata da colonne di cenere che si sono innalzate per 5.000 metri per poi riversarsi sul centro abitato di Kagoshima. Da allora ogni anno, si verificano migliaia di piccole esplosioni dalla montagna che lancia cenere su tutte le aree circostanti. Comunque una eruzione più potente, potrebbe causare 700.000 vittime tanto che in città ci sono rifugi per i residenti.

vulcani pericolosi5) Galeras, Colombia

Questo vulcano si trova nella parte meridionale della Colombia, al confine con l’Ecuador ed è attivo almeno da un milione di anni. Erutta frequentemente, con la sua prima eruzione del 1580. Come per il Vesuvio, anche qui alla sua base, si trova la città di Pasto con i suoi 450.000 abitanti. Inattivo fino al 1978, tornò in azione nel 1988. Proprio quando nel 1993 si teneva una conferenza per avvisare dei rischi del vulcano, il Galeras ha eruttato improvvisamente uccidendo 6 scienziati e 3 turisti. Dal 2000 erutta quasi ogni anno causando anche smottamenti nella regione. Il Galeras è stato inserito nel 1991 nella lista dei vulcani più pericolosi della Terra, ed è quindi entrato a far parte del programma delle Nazioni Unite per la prevenzione dei disastri naturali.

(1- continua) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su