Hamburger Day. Che storia questo panino!

C’è una giornata per tutto. Poteva mancare quella per l’hamburger? Se volete celebrarla, ragazzi oggi è il giorno giusto: il 28 maggio è l’Hamburger day in tutto il mondo. Da polpetta di carne a simbolo del fast food e ora con ricette anche per i palati più raffinati. Carne di manzo macinata, pane morbido al sesamo, pomodori, insalata, cetrioli, cipolla e salse,
ecco gli ingredienti per un classico hamburger. Di sicuro è il piatto americano più conosciuto e amato in tutto il mondo. Anche se proprio americano americano non è…

La storia dell’hamburger

A inventare l’hamburger (o, almeno, il suo avo) sono stati gli antichi egizi, che già  preparavano polpette di carne. Ma per arrivare al nome hamburger bisogna arrivare a inizio ‘800 e in Europa, non in America. Esattamente nella città di Amburgo, in Germania, all’epoca era il porto più importante d’Europa, crocevia di popoli, di merci e di ricette. I marinai avevano bisogno di mangiare cose semplici e veloci. Una polpetta di carne cotta al momento e infilata tra due fette di pane placava la fame ed era il toccasana dopo mesi di navigazione a suon  di carne salata. Non ci mise molto “la polpetta di Amburgo” a conquistare gli Usa e a diventare “hamburger”.

È infatti in America che scoppia il suo successo. La prima, primissima volta che l’hamburger è proprio l’hamburger che conosciamo, è nel 1889 quando il più famoso quotidiano di Washington il Walla Walla”, racconta questa tipologia di carne cotta sulla piastra e a forma di medaglione.

Ma non è ancora la regina del fast food. Anche perchè il fast food arriva parecchio tempo dopo. Bisogna aspettare gli anni ’50 e Ray Kroc, che ha trasformato un ristorante di San Bernardino di proprietà dei due fratelli McDonald nella catena di ristorazione più grande al mondo. Risale al 1955 l’inaugurazione del primo McDonald’s a Des Plaines, nell’Illinois: l’hamburger veniva venduto a 15 centesimi. La ricetta è rimasta la stessa: hamburger di carne bovina, ketchup, senape, cipolla, cetriolo e pane.

Nel 1958 il cetriolo fu tolto dall’hamburger, ma solo un anno dopo, nell’agosto del 1959, riprese il suo posto e nessuno lo mise più in discussi.

Il film

hamburgerAvete visto The Founder? Il  film del 2016 diretto da John Lee Hancocke interpretato da Michael Keaton, racconta  la storia di McDonald’s, come nasce la catena più famosa al mondo. Comincia appunto in un paesino dell’America, dai due fratelli McDonald’s che aprono un botteghino negli anni ’50 e poi… e poi arriva Ray Kroc e  meglio non dire più niente altrimenti addio sorpresa! E invece rimarrete stupiti!

Quali sono gli hamburger preferiti

Doppio, triplo, a base di carne o vegano, accompagnato dalle inseparabili patatine o gustato nella sua semplicità: esistono infiniti modi. Una ricerca fatta da Uber Eats ha realizzato una ricerca per scoprire quali sono i gusti preferiti degli italiani
In vetta alla classifica c’è  il Bacon Cheese Burger (24%) seguito dal Cheeseburger classico (10%).
Molti  ristoranti permettono anche di personalizzare la composizione del panino. Gli italiani non amano i cetriolini sott’aceto e la cipolla: sul totale degli ordini complessivi di hamburger, il 21% è stato chiesto senza cetriolini e il 14% senza cipolla.

Panini da record

Il record dei record è stato battuto per ben due volte a Napoli. Un cliente ha ordinato  115 hamburger in una sola consegna; lo stesso numero è stato raggiunto nel 2020 sempre a Napoli. Che sia lo stesso? Il terzo gradino del podio se lo aggiudica Milano, con un ordine di 89 hamburger a novembre 2019.
hambirger

Americani in testa

Sono ben 13 miliardi i panini consumati all’anno in America. Significa che mettendo uno di fianco all’altro tutti gli hamburger, circonderebbero la terra ben 32 volte.

Una curiosità? L’hamburger più costoso al mondo è servito in un casinò di Las Vegas e costa cinquemila dollari. I suoi ingredienti sono la pregiata carne di Kobe, il tartufo e il foie gras. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su