Bolle di sapone per impollinare i fiori

Le bolle di sapone per impollinare i fiori. Non è uno scherzo! È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista iScience realizzato dagli esperti del Japan Advanced Institute of Science and Technology di Nomi, in Giappone. Lo hanno sperimentato.  Hanno utilizzato delle bolle di sapone per trasportare il polline ai fiori di un albero di pere.

bolle di sapone

Bolle impollinatrici

«Può sembrare fantascientifico, ma le bolle di sapone rappresentano un complemento a bassa tecnologia efficace e sicuro e una possibile strategia da implementare per integrare il lavoro delle api e di tutti gli animali impollinatori», sostiene Eijiro Miyako, docente presso l’Istituto di Scienze dei materiali dell’istituto di ricerca giapponese.

Perché proprio le bolle di sapone? Secondo gli studiosi le bolle garantiscono la consegna “mirata” ai fiori e la loro leggerezza non sciupa il fiore. Gli esperti infatti avevano provato altri sistemi, come i droni ma senza ottenere lo stesso risultato. Anzi, i i fiori risultavano danneggiati dal contatto con il dispositivo anche se questo era piccolissimo.

L’idea delle bolle

«Ero al parco – spiega Eijiro Miyako – quando lo scoppio di una bolla di sapone sul viso indenne di mio figlio è stata l’immagine ispiratrice di un nuovo metodo per l’impollinazione sicuro e delicato».  «Usando una pistola spara bolle siamo riusciti a distribuire circa duemila granuli di polline per ogni bolla. Con impollinazione costante dopo tre ore. Abbiamo poi utilizzato un drone a guida autonoma per distribuire le bolle, e il dispositivo ha riportato un tasso di successo nel colpire i fiori del 90%», continuano i ricercatori. Unico problema da risolvere ancora quello del meteo… «Con le bolle di sapone, il fattore tempo diventa fondamentale, perchè le gocce di pioggia o i venti forti potrebbero rimuovere le sostanze depositate sui fiori. Continueremo a studiare per trovare il modo di migliorare l’efficacia della distribuzione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su