Avi Schiffmann, 17 anni, rifiuta 8 milioni di dollari per il suo sito sul Covid: “Non voglio approfittare”

avi shiffermman

Sareste disposti a rifiutare 8 milioni di dollari? Cioè, esattamente 7 milioni 308 mila 312 euro col cambio giusto giusto di oggi?  Avi Schiffmann, uno studente di 17 anni di Seattle, nello stato di Washington negli Stati Uniti, lo ha fatto. Ha detto no a chi gli proponeva di vendere la sua creazione: il sito che informa in tempo reale sul covid-19.

“Non voglio fare soldi su una tragedia”

«Non voglio fare soldi su una tragedia – ha spiegato Avi Schiffmann – Molti mi dicono che me ne pentirò ma ho altro in mente». Il sito, che si chiama ncov2019.live,  riporta tutti i dati, aggiornati ogni 10 minuti, del contagio, in ogni paese del mondo. Cita le fonti.  riporta le mappe, i link con  pagine interattive. La homepage del sito, come potete vedere è semplice semplice. Solo numeri in costante aggiornamento. Ma proprio questo è stato il suo successo.  Realizzato con l’aiuto grafico di un amico, Daniel Conlon, il sito di  Avi è seguito da 30 milioni di utenti in tutto il mondo e, da quando è stato creato, ha registrato 700 milioni di contatti unici.

In un angolino in alto c’è un bottone rosso: il giovane  inventore ha scelto le donazioni, con la formula «offrimi un caffè», ma ha anche una critica da rivolgere ai grandi della terra: «Questo sistema di tracciamento globale avrebbe dovuto inventarla qualche organizzazione mondiale, non un ragazzo di 17 anni». Boooom!

avi schiffmann

Chi è Avi Schiffman

A marzo il suo sito aveva già attirato l’attenzione. Intervistato da «GeekWire» (qui l’articolo originale in inglese ovviamente!) aveva spiegato che tutto era partito da una preoccupazione. Anzi  due: che alla diffusione del virus si aggiungesse la diffusione della disinformazione.

Quindi il diciassettenne di Seattle si è rimboccato le maniche ha iniziato a creare un  sito Web che riunisse tutti i dati sull’epidemia. Era l’inizio di gennaio, come riporta l’articolo di Geek Wire quando ancora nel mondo i casi erano meno di mille e tutti ancora concentrati in Cina.

Schiffmann ovviamente è uno con il pallino della tecnologia: studia alla Mercer Island High School che fa parte del programma Running Start del Bellevue College, ma ha cominciato a programmare fin da quando aveva 7 anni.  Così si è inventato questo concentrato di dati in continuo aggiornamento: casi confermati totali, decessi totali, paesi infetti. Benpresto è diventata csì una miniera di informazioni che, a marzo aveva attirato  più di 2 milioni di visitatori.

Adesso che non è ancora maggiorenne ha già il suo profilo su LinkedIn, Schiffmann dove afferma di avere “anni di esperienza nello sviluppo web, nello sviluppo mobile multipiattaforma e nella progettazione di UI e UX utilizzando Adobe e strumenti simili”, nonché “una vasta conoscenza del popolare software di modellazione 3D” e molto altro….

Sempre al lavoro

«Sto trascorrendo gran parte del mio tempo libero a lavorarci –  ha detto Schiffmann a GeekWire – Ricevo circa 100 e-mail al giorno per correzioni, richieste di funzionalità e cose del genere, quindi lavoro sempre per aggiungere nuove cose».

«Il mio obiettivo è quello di rendere il sito il posto migliore per informazioni sul coronavirus, con molteplici metodi per ottenere dati» ha detto  ammettendo di essere «molto motivato» e di dedicare il 99% del suo tempo libero all’apprendimento di nuove tecnologie. Quindi praticamente sempre…. A marzo a chi lo aveva intervistato aveva detto di essere in mezzo  a «10 diversi grandi progetti» e che il suo obiettivo principale è quello di realizzare qualcosa di incredibile un giorno e di cambiare il mondo attraverso aziende create da lui. E visto quello che sta facendo c’è da giurare che ce la farà!

La sua ispirazione? Steve Jobs:  «La mia citazione preferita è di Steve Jobs – ha detto Schiffmann – Perché le persone che sono abbastanza pazze da pensare di poter cambiare il mondo, sono quelle che lo fanno».

Leggi anche 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su