8 aprile… Muore Pablo Picasso

Picasso autoritratto8 aprile 1973 Muore nella sua casa in Francia il pittore spagnolo Pablo Picasso

Lo vogliamo ricordare con questa sua  frase:

“A 12 anni dipingevo come Raffaello ma ci ho messo tutta una vita per imparare a dipingere come un bambino”.

In effetti era un vero talento, fin da bambino. Si dice che la sua prima parola non sia stata “mamma” come fanno tutti i bambini ma “piz”, “matita” da “lapiz”.

Quello che vedete nella foto è il suo Autoritratto, dipinto nel 1907 e conservato a Praga, alla Narodni Galerie. Non è l’unico. Ha cominciato a farsi autoritratti da giovanissimo a 15 anni, e ha continuato a ritrarsi attraverso tutti suoi periodi – quello Blu, quello Rosa – fino ad arrivare all’ultimo, a 91 anni, 9 mesi prima di morire. Se li volete vedere tutti ecco un articolo su Focus “Picasso, gli autoritratti di una vita”.

Ecco come era in realtà

Ha inventato un nuovo modo di dipingere, il Cubismo.

Se guardate i suoi quadri non si capisce niente! Un occhio sta da una parte la bocca da un’altra. Tutto è scomposto e sembra un gran caos!! Sembra…

Perché invece è tutto studiato. Come? Ecco una spiegazione semplice quella della Treccani ragazzi (usatela, è piena di risorse utili!): “Tutti i punti di vista dell’oggetto rappresentato, sono portati alle estreme conseguenze: le immagini si compongono di schegge di realtà, viste da angolazioni diverse e ricomposte in una sintesi del tutto originale. I quadri cubisti non hanno prospettiva né profondità; non distinguono lo sfondo e il primo piano, le forme sono appiattite e i colori sono esclusivamente grigi e bruni.”

E se volete fare un tour virtuale al Museu Piscasso di Barcellona basta un click #MuseuPicassoVirtul

LEGGI ANCHE 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su