A scuola fino al 30 giugno? I ragazzi dicono no

A scuola fino al 30 giugno? Nessuno lo ha ancora deciso ma è una delle ipotesi allo studio del nuovo governo Draghi.

C’è chi dice che molti ragazzi sono rimasti indietro nello studio in questo anno di Covid, soprattutto perchè molti non hanno a disposizione computer o telefonini per seguire le lezioni.

C’è chi dice invece che prolungare il tempo scuola non serve perchè per  gli studenti e anche i maestri e i prof la Dad è stata anche più faticosa…

E voi cosa ne pensate?

I ragazzi di Radioimmaginaria, il network europeo degli adolescenti dagli 11 ai 17 anni (la potete ascoltare sulla nostra homepage…) hanno realizzato un sondaggio online per capire cosa pensano gli adolescenti. Scontato o no il risultato, la stragrande maggioranza dei ragazzi (95%) è contraria a prolungare l’anno scolastico.

I risultati del sondaggio

  • Il 56% degli studenti intervistati sostiene di aver rispettato il programma in DAD e di non aver bisogno di altri giorni per recuperare.
  • Il 19% pensa che quest’anno scolastico sia stato particolarmente stressante e dice che ha bisogno di riposo
  • il 12% ritiene che un mese in più non sarebbe sufficiente a recuperare.

A scuola fino al 30 giugno? No grazie

«La didattica a distanza ha messo sulle spalle di noi studenti una nuova sfida – affermano i ragazzi di Radioimmaginaria – sia a livello didattico che personale. I rapporti di tipo sociale devono essere ristabiliti e l’estate potrà essere il periodo ideale per rivivere in serenità le esperienze che abbiamo lasciato in sospeso».

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su