4 giugno… primo volo pubblico della Mongolfiera

Il 4 giugno 1783 i fratelli Mongolfier, Joseph Michel e Jacques Étienne, vedono alzarsi in volo il loro sogno: un pallone volante che prenderà il nome proprio da loro. La mongolfiera. A bordo, quel giorno non c’era nessuno.

L’idea

L’idea nasce una sera, osservando un lenzuolo che si sollevava asciugandosi sopra il fuoco.  Aria calda, tessuto e qualche corda cominciarono i primi esperimenti. E a dicembre 1782, i due fratelli fanno la prima vera prova e capiscono che la loro invenzione funzionava davvero: il prototipo di mongolfiera aveva volato per due chilometri.

In pubblico

Il 4 giugno replicano davanti ad Annonay, con un aerostato di 790 metri cubi che venne fatto volare per 10 minuti, ad un’altezza di 2000 metri. Lo fecero nella piazza del mercato, perchè ci fossero più persone possibile. E i due fratelli potessero essere riconosciuti da tutti come gli inventori di quel nuovo marchingegno.

Gli animali volanti

Il 19 settembre del 1783 l'”Aerostate Révellion” (come lo aveva chiamato Étienne) fu fatto volare con a bordo i primi aeronauti viventi: una pecora, un’oca ed un gallo, collocati in un cesto appeso alle corde del pallone. Questa dimostrazione ebbe luogo di fronte ad un’immensa folla raccolta nel palazzo reale di Versailles. Erano presenti anche il re Luigi XVI e la regina Maria Antonietta. Il volo durò circa 8 minuti, coprì circa 3 km e raggiunse un’altezza di circa 500 metri.

Sarebbe potuto durare di più, ma l’aerostato era instabile, e perciò subito dopo il decollo si inclinò su un lato, lasciando fuoriuscire dall’imboccatura una notevole quantità dell’aria calda contenuta all’interno. Gli animali, comunque, scesero dalla mongolfiera sani e salvi….

Gli antenati militari

I documenti cinesi documentano il volo di un pallone ad aria calda (anche qui senza equipaggio): Huge Liang del Regno di Shu Han (220-280 d.C.) utilizzava le cosiddette “lanterne di Kongming” per segnalazioni militari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su