3 giugno… L’ultimo episodio di Star Trek

3 giugno 1969 – La serie televisiva di fantascienza Star Trek trasmette il suo ultimo episodio della serie originale.  Tre anni e 79 episodi per entrare nella storia delle serie tv. Ideata da Gene Roddenberry, aveva esordito l’8 settembre 1966 sulla Nbc.

Ambientata tra il 2266 e il 2269 racconta la missione di esplorazione del cosmo dell’astronave Enterprise. Alla guida del  capitano Kirk, interpretato da ci sono  rappresentanti di una Federazione dei Pianeti Uniti che riunisce numerosi popoli di sistemi stellari diversi . La missione:  “alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessun uomo è mai giunto prima” (inizia così la serie…).

A fianco del capitano,  interpretato da William Shatner, gli altri due protagonisti:  l’ufficiale scientifico Spock, un extraterrestre proveniente dal pianeta Vulcano (interpretato da Leonard Nimoy) e l’ufficiale medico, il dottor Leonard McCoy detto “Bones” (interpretato da DeForest Kelley). I tre, uniti da un forte legame di rispetto e amicizia, sono circondati da un equipaggio molto affiatato.

La serie  infatti affrontava temi rilevant: per la prima volta nella storia della televisione un giapponese, una donna di origine africana, diversi americani, uno scozzese, un alieno e un russo, nel momento in cui il mondo era spaccato in due dalla Guerra fredda, si trovavano a lavorare insieme nello stesso equipaggio, a esplorare l’universo alla ricerca di nuove culture con cui dare vita a reciproci scambi in nome dell’uguaglianza e della pace

suoi membr  i i hanno origini diverse, dal capitano statunitense al timoniere asiatico, dall’addetta alle comunicazioni africana al navigatore russo. E poi c’è anche un vulcaniano, perché l’esplorazione vuole andare oltre la pacificazione terrestre per promuovere la “Federazione Unita dei Pianeti”. Dietro le trovate tecnologiche c’è quindi un ideale ben preciso e in aperto contrasto con il quadro storico di allora, caratterizzato dalla guerra fredda.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su