22 gennaio…

1506 – Arriva a Roma il primo contingente di Guardie Svizzere, composto da 150 uomini pronti a servire il papa Giulio II. Non furono impegnate solo come scorta personale del papa, ma anche in diverse battaglie. Oggi sono 110 e si occupano della vigilanza, della sicurezza e della protezione del papa all’interno del Palazzo Apostolico e durante i suoi viaggi, oltre che dei servizi d’onore durante le udienze e i ricevimenti. Se volete saperne di più cliccate   sul sito www.guardiasvizzera.va  

Quali sono i requisiti per diventare Guardia svizzera
– sesso maschile-cittadinanza svizzera
-essere di fede cattolica
-aver svolto il servizio militare nell’Esercito svizzero e aver ottenuto un certificato di buona condotta
-avere un’età compresa tra 18 e 30 anni
-avere un’altezza non inferiore a 174 centimetri
-essere celibe (il matrimonio è ammesso solo per i caporali e gradi superiori)
-avere un certificato di capacità professionale o una maturità medio-superiore

L’uniforme
L’uniforme di gala, la divisa probabilmente più famosa del mondo, deve la sua esistenza al Comandante Jules Repond (1910-1921) che la disegnò così dopo approfondite ricerche e sulla base degli affreschi di Raffaello. I colori blu e giallo appartengono allo stemma di  famiglia della Rovere, la famiglia di Papa Giulio II fondatore della Guardia. Il rosso viene dalla famiglia Medici, da cui proveniva il Papa Clemente VII. Le bande blu e gialle interrompono con un movimento fluido il rosso della giacca e dei pantaloni. Il cappello è stato sostituito dal berretto basco attuale, sul quale si può distinguere il grado. In un secondo tempo è stato modificato anche il collo bianco attuale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su