11 giugno… Meucci riconosciuto inventore del telefono

 

meucci

11 giugno 2002 – Il congresso degli Stati Uniti con la risoluzione 269 riconosce ufficialmente il fiorentino Antonio Meucci come primo inventore del telefono. C’è voluto più di un secolo ma il povero Meucci (perchè è morto povero) ha avuto il riconoscimento che meritava. 

Alexander Bell  si era appropriato  delle carte di Meucci che riguardavano la  scoperta del telettrofono. Solo che lui si è poi arricchito  fondando la Bell Telephone Company da cui ha avuto origine l’odierna AT&T (American Telephone and Telegraphe).

 L’idea di Meucci

Meucci aveva avuto l’idea del “nonno” del telefono nel 1854 quando abitava a Cuba,  per poter comunicare con la moglie, costretta a letto da una malattia. Lo aveva chiamato il telettrofono. Poi lo aveva messo a punto quando si era trasferito a New York. Qui lo aveva anche brevettato nel 1871 ma poi nel 1873 aveva lasciato scadere il brevetto per mancanza di soldi. Solo tre anni dopo, precisamente il 7 marzo 1876, l’americano Alexander Graham Bell inventore e professore all’Università di Boston, che aveva sbirciato i disegni di Meucci, presentò e depositò il brevetto di un apparecchio del tutto identico al telettrofono e a cui Bell dette il nome di telefono.

La causa

Meucci ci provò anche a fare causa per dimostrare che quell’apprecchio era arrivato dopo e che era lui l’inventore, ma non aveva abbastanza soldi per portare avanti la causa. E così Bell per oltre un secolo è stato celebrato in America come l’inventore del telefono… ma solo fino al 2002.

L’amicizia con Garibaldi

Meucci era diventato molto amico di Giuseppe  Garibaldi. L’eroe dei due mondi, aveva vissuto per quasi due anni a casa di sua  in America e avevano lavorato anche insieme: Meucci fabbricava candele e Garibaldi lo aiutava. Nella casa dove hanno abitato ora c’è un museo. Meucci per cercare di racimolare qualche soldo aveva cercato di vendere anche il letto dove aveva dormito Garibaldi… Se volete saperne di più sulla loro storia qui il link alla casa-museo americana.  Si trova a State Island, a New York. Per avere un’idea c’è anche il tour virtuale…

Leggi anche

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su